Sezione recensioni
recensioni24/02/2011A cura di: Monica Alagna
Kalweit and The Spokes
Around The Edges
a2011_02_24_07_23_37_Kalweit-and-The-Spokes.jpg

Tracklist

  • 1. Curtains
  • 2. The Last Sign
  • 3. Lulled
  • 4. Ice Man
  • 5. All The Gods
  • 6. Around The Edges
  • 7. The Whore
  • 8. Guns Are Back
  • 9. Split Us In Two
  • 10. New York Movie
  • 11. Clara Bow
  • 12. Steep In Sleep
  • 13. Curtains Part 2

Genere

Varie

Etichetta

Irma Records

Voto

7,5 su 10

 

Probabilmente il nome Kalweit and The Spokes ai più non dirà molto, ma se lo sciogliamo viene fuori che Georgeanne Kalweit è la ex voce dei Delta V, oltre ad aver collaborato con Vinicio Capossela (sua è la voce di “Medusa Cha Cha Cha”) e con i Calibro 35, mentre The Spokes sono Leziero Rescigno (alla batteria già negli Amor Fou e La Crus) e Giovanni Calella (chitarrista, bassista e produttore musicale). Adesso forse tutto è più chiaro.

Il loro primo album, “Around The Edges”, contiene tredici tracce che esplorano generi diversi e trasmettono sensazioni e sentimenti variegati; fondamentalmente ciò che si ascolta è un sound molto internazionale, prettamente statunitense: il blues di “The whore”, il rock di “Guns are back”, l'atmosfera misteriosa, noir e fumosa di “New York Movie” e “Clara Bow”, passando per la dolcissima -a mio avviso- title track, “Around The Edges”, fino all'allegra e magica “Ice Man”.

I testi sono piccole storie e poesie scritte dalla mano della Kalweit, e cantate dalla sua splendida voce, molto calda e sensuale; la parte strumentale si avvale della bravura dei due Spokes, oltre all'importante apporto del Gnu Quartet (flauto e archi).

E' un lavoro visivo, si riescono quasi a toccare la musica e le note che si ascoltano, percepirne i colori e le sfumature. Peculiarità che forse è un dono nato dall'altra arte di Georgeanne, la pittura: sua infatti è la copertina di questo primo disco.

Che dire, un album davvero suggestivo.

Tag in questo articolo

kalweit and the spokes around the edges