Sezione recensioni
recensioni23/03/2011A cura di: Maria Bonì
Emanuele Minutella
Emanuele Minutella
a2011_03_23_10_10_52_manucover.JPG

Tracklist

  • 1. Don't Give Up
  • 2. Ain't No Sunshine
  • 3. Forbidden Colours
  • 4. Please Read the Letter
  • 5. Vecchio Frac
  • 6. Temptation
  • 7. But Not For Me
  • 8. Via Con Me

Genere

Varie

Etichetta

Autoprodotto

Voto

8 su 10

Emanuele Minutella è uno di quei cantanti che nel loro percorso si ritrovano nell’animo una diplopia musicale: nato nel classic rock, da qualche tempo si è tuffato anche nel jazz. E sa nuotarci dentro davvero bene, con stile. Più che una raccolta di cover, questo è un “manifesto” che racchiude in otto tracce il range di gusti dell’artista, che stupisce per le capacità interpretative di canzoni rischiose da proporre, specie nell’eventualità del paragone con i grandi. La rivisitazione di “Via Con Me” di Paolo Conte è spiazzante, soprattutto se si pensa che Emanuele ha 23 anni e riesce a permeare ogni parola del testo d’Esperienza come fosse uno che nella vita ha già visto tutto. “Vecchio Frac” di Modugno è cantata con la malinconica ironia propria della canzone, con tanto di miagolii e “pssssst psssssssst” che rivelano anche il  lato giocoso dell’interprete.

Il disco è totalmente arrangiato e suonato da Emanuele, fuorché alcuni brani in cui troviamo la collaborazione dei compagni d’avventura “King’s Men” Marco Papale, Nicholas Vella  e Claudio Iandolino ("Don’t Give Up", "But Not For Me"),  di Roberto Brusca, Giovanni Calderone, Dario Mirabella e Ciro Pusateri, e  la splendida voce di Erin Brown che spicca  in "Please Read The Letter", duetto originariamente interpretato da Robet Plant ed Allison Krauss.

Come lo stesso Emanuele ha dichiarato, “questo è un album assolutamente anticommerciale. Ho deciso di non stamparlo, né sottoporlo al mastering audio e di non venderlo, ma pubblicarlo semplicemente sulla mia pagina Facebook e farlo circolare gratuitamente in rete”. 

 

La sola “pecca”, se così possiamo definirla, è che per l’ovvia ragione del fatto che questo è un disco di cover, non possiamo avere (anche) un assaggio delle capacità di autore di Emanuele. Ma non preoccupatevi: gli uomini del re stanno ritornando, avremo presto l’occasione di apprezzare l’Artista in tutta la sua completezza.