Sezione recensioni
recensioni12/05/2011A cura di: Sylom
Seadem
Skholè
a2011_05_12_01_37_32_Seadem.jpg

Tracklist

  • 1. I'm Sorry
  • 2. Let Me Dream
  • 3. Christina
  • 4. In The Ridden House
  • 5. Sorrow Stay
  • 6. Andromida e'm Soi
  • 7. Desidero L'Eternità
  • 8. Manens Rea
  • 9. Cathedrale
  • 10. Skholè (vampire)
  • 11. Ecarts Diff´rentiels

Genere

Dark

Etichetta

The Eastern Front

Voto

7 su 10

Febbraio 2011 ha visto l'uscita di "Skholè", album di debutto della cantante francese, musicista, autrice nonchè attrice Ombeline Duprat, con il suo progetto Seadem. Un book case accompagna l'album masterizzato da F.Chaplain (Prikosnovenie label), registrato e mixato da N.Perego nonchè prodotto dalla nota etichetta israeliana The Eastern Front, che qui per la prima volta si apre a nuove sonorità, affascinati dalla bellezza e dal canto di Ombeline.

 

Undici brani dove possiamo ascoltare l'artista francese nel suo approccio vocale lirico in versione sia drammatica che appassionata. Un'incantevole voce, un intreccio di sogni sonori diretti dall'interpretazione lirica di Ombeline Duprat con sottofondo la magia del piano, di flauti e clarinetti. La versione neo romantica di Skholè traspare dai testi di Duprat, ispirata in "Christina" da Cecil Day Lewis, poeta e scrittore britannico di origini irlandesi; in "Sorrow Stay" i testi sono estratti da "Holderlin's Journey" del poeta Edwin Muir (1937); in "Desidero L'Eternità" invece sono della stessa Duprat e di C.Piccinini, in omaggio alla nostra lingua.

 

Un album che trae ispirazione dal gothic di stampo neoclassico, una voce eterea, un nuovo talento che non passa inosservato. Rimaniamo in attesa di ascoltare nuove composizioni.