Sezione recensioni
recensioni12/05/2011A cura di: Monica Alagna
Alessia D'Andrea
Live in Studio
a2011_05_12_06_00_25_189633_10150117269629300_53789859299_6476346_1080493_s.jpg

Tracklist

  • 1. Paradise
  • 2. Tonight
  • 3. Locomotiv Breath
  • 4.
  • 5. O'Clock
  • 6. A Song For You
  • 7. Third Song
  • 8. Highway To Hell
  • 9. Here He Comes
  • 10. Music Turns the Beat Around
  • 11. Time to Pray
  • 12. Walk On
  • 13. Fast Car
  • 14. Rag Doll
  • 15. Bad
  • 16. Ast Radeni's Lifetime
  • 17. Nuvola Bianca
  • 18. Dovunque Andrò
  • 19. The Flight
  • 20. Se Sarà Il Tempo
  • 21. I Dance

Genere

Pop

Etichetta

Renilin Music

Sito Ufficiale

www.alessiadandrea.com

Voto

8 su 10

Quello che abbiamo davanti non è un cd che, messo nel lettore, ti trasporta da qualche parte facendoti immaginare il viso della voce che narra le storie, dei musicisti che l'accompagnano. No, questo è un dvd che contiene un'esibizione live dell'artista nostrana Alessia D'Andrea, splendida, talmente splendida che, come spesso capita in Italia, è di nicchia. Non sia mai.

Il live è stato registrato a Gennaio presso Renilin Studio, e in 71 minuti si ha la possibilità di conoscere, apprezzare e trovarsi subito in sintonia con questa ragazza dalla voce tanto grintosa quanto dolce, così come non si potrebbe immaginare guardando semplicemente la sua fisicità. Dirò una stupidaggine, ma è la nostra Alanis Morissette.

Le canzoni proposte derivano da precedenti registrazioni della D'Andrea o da canzoni che probabilmente l'hanno segnata e accompagnata nella sua crescita musicale e personale: scorrendo la tracklist si notano cover eccellenti come “Locomotive Breath” dei Jethro Tull (Alessia ha registrato proprio con Ian Anderson, si, lui), “Highway to Hell” degli AC/DC, “Rag Doll” degli Aerosmith, “Bad” di Michael Jackson; la qualità dei pezzi è davvero alta, tutti molto belli e piacevoli da ascoltare, tanto che i 71 minuti di live passano senza nemmeno accorgersene, senza tempi morti, canzoni fuori contesto: tutto perfetto, così come la performance di Alessia, non solo a livello vocale ma anche come front-woman, che passa con disinvoltura dal suonare le tastiere al raccontare piccoli stralci di esperienze e spiegare il significato della canzone appena proposta o da proporre successivamente.

Bravissima, davvero.