Sezione recensioni
recensioni30/05/2011A cura di: Valeria
Mathì
Petali Ridenti
a2011_05_30_07_42_44_Nuova immagine.JPG

Tracklist

  • 1. Due Lune
  • 2. Cuore di fata
  • 3. Cascate
  • 4. Sospiri di vento

Genere

Pop

Etichetta

Senza contratto

Voto

7,5 su 10

Petali ridenti è il primo lavoro autoprodotto dei Mathì. Metafisica è la loro parola d'ordine. Ciò che è irreale è il protagonista assoluto, nella musica, nei testi, nelle loro vite.

Napoletani di origine, ricordano la loro infanzia tra le note di questo album, come se vorrebbero preservarla dal resto di tutta la vita. La natura compare protagonista, fatta di fate, eroi della malinconia, esseri lievi e muse sinuose. Al primo ascolto ricordano sicuramente gruppi come i Marlene Kunz o i Sigur Ros.

La matrice di base è acustica-sognante, lascia totale spazio alla voce, soave, proprio come in un sogno.

L'album si apre con un insolito racconto medievale, Due lune, dove eroi e donzelle vivono avvemture travagliate. Tra elogi alla solitudine (Cascate) e elogi alle fate (Cuore di Fata) si entra in un mondo a parte, quello di Mathì, da esplorare più che volentieri.