Sezione recensioni
recensioni01/06/2011A cura di: Maria Rita Pugliesi
Bleiburg
Till The Last Night
a2011_06_01_02_50_38_bleiburglastnightII.jpg

Tracklist

  • 1. Anu Mahrizim Ba’Zot
  • 2. For A Change
  • 3. La Brigada Majal
  • 4. Till The Last Night
  • 5. Jerusalem
  • 6. Never Surrender
  • 7. Six Days
  • 8. Life Is Dangerous And Faith
  • 9. Azan
  • 10. The Bar Lev Line
  • 11. The Smell Of War
  • 12. The Source Of Power
  • 13. Iran

Genere

Dark

Etichetta

The Eastern Front

Sito Ufficiale

http://www.bleiburg.de/

Voto

7 su 10

I Bleiburg pubblicano il loro nuovo album ancora una volta per la label israeliana The Eastern Front: "Till The Last Night" rinnova le tematiche del precedente "Indivisibiliter ac Inseparabiliter" con ritmiche incalzanti, echi industrial e simbologia militaresca, che si esprime nella cover e nei testi.

 


Introduce l'album l'enigmatica e avanguardistica "Anu Mahrizim Ba’Zot", dalle spezzate cadenze tribali e dal testo ridotto a pochi versi inarticolati. Si addolciscono i toni con le atmosfere orientaleggianti e rap di "For a Change", ardita sperimentazione che unisce linee mediorientali e sample rumoristici, seguita da "La Brigada Majal", supportata da evanescenti cori. Ipnotica e ritmata è "Till The Last Night", quasi un "dark chill out", mentre "Jerusalem" ripercorre sentieri minimalistici. "Never Surrender" e "Six days" indugiano su accenti noise ed essenziali abbinati a testi recitati; "Life Is Dangerous And Faith" e "Azan" rallentano i toni dipingendo paesaggi solitari e desertici. "The Bar Lev line" è un lungo e tetro spoken word dall'andamento epico e solenne; mentre a chiusura del disco incontriamo un trittico angosciante e ossessivo con "The Smell Of War", "The Source Of Power" e "Iran".

 

Chi ha il gusto per una world music più che inconsueta troverà di certo interessante "Till The Last Night", un disco ben calibrato e ricco di atmosfere etniche e suggestive che sorpendentemente si contrappongono a claustrofobici e marziali campionamenti.