Sezione recensioni
recensioni17/08/2011A cura di: ZEITGEIST
Rising Dark
Apocalyptic
a2011_08_17_05_37_57_rising.jpg

Tracklist

  • 1. Apocalyptic
  • 2. Armageddon
  • 3. This Is War
  • 4. The Bofoid
  • 5. Yog Sothoth
  • 6. Your Blood Is On My Hands
  • 7. Phoenix

Genere

Metal

Etichetta

SG RECORDS

Voto

7,5 su 10

Finalmente del Thrash made in Italy: i Rising Dark dopo 4 anni di attività pubblicano il loro primo full-lenght "Apocalyptic" sotto la SG RECORDS.
Il processo di maturazione è avvenuto per gradi dalla prima demo alla condivisioone di palchi importanti insieme a Steve Grimmet, Pino Scotto, Praying Mantis, Vision Divine,Quireboys per citarne alcuni e alla collaborazione di musicisti di spessore quali Maxx degli "Idols Are Dead" e Simone Mularoni (DGM, Empyrios).
Il Thrash è ben radicato in tutto il disco, con influenze papabili della Bay Area, in particolare dei Testament. Pur mantendendo questa linea guida si ritrovano elementi di ThrashCore, di Death e qualche accenno di Progressive che contornano ogni pezzo. Il gruppo vuole dare una sua personale interpretazione ad un genere (il Thrash) che ormai ha superato i tempi d'oro e che cerca di trovare uno nuovo trampolino di lancio. "Apocalyptic" sembra essere proprio essere quel trampolino: "Armageddon" e "This Is War" sono i pezzi più old school che ci trasmettono le atmosfere apocalittiche de "l'oscuro in aumento" (Risining Dark). La chiusa è affidata a "Phoenix", nostalgica e malinconica con il suo piano iniziale.
Ci sono grandi aspettative da questo gruppo italiano: 7,5 per il nuovo faro che illumina una strada buia.