Sezione recensioni
recensioni09/09/2011A cura di: Susanna Gattuso
DDG
DDG
a2011_09_09_12_28_10_mzi.cbbngqtl.170x170-75.jpg

Tracklist

  • 1. Sorry
  • 2. Ferry Blues
  • 3. No money
  • 4. Dig it
  • 5. Dig it(dub version)

Genere

Pop

Etichetta

Aliante

Voto

7,5 su 10

Dietro il nome DDG (davide de gregorio) si cela un cantante, musicista e compositore di respiro internazionale,davvero particolare,interessante e da tenere in considerazione.
Il progetto di DDG è caratterizzato da sonorità provenienti da tutto il mondo ed è cantato in inglese, spagnolo, francese e talvolta in una lingua-non lingua.
«Il mio linguaggio musicale è frutto delle esperienze vissute, - racconta DDG - dellʼuso di tutte le influenze musicali assorbite ed amate negli anni ed è sempre in continua evoluzione… Le lingue usate non sono altro che la diretta conseguenza dellʼampliarsi quotidiano del mio personale “dizionario globale”, grazie al quale non mi pongo limiti di nessun tipo, fino ad arrivare ad utilizzare anche varie lingue nello stesso brano. Unire e miscelare suoni, ritmi, lingue, battiti è la mia missione artistica.»
La storia di questo progetto comincia durante una tappa alla O2 Arena di Londra del “Princeʼs 21 nights in London” dove DDG ha modo di conoscere Cora Coleman e Josh Dunham (batterista e bassista di Prince). I musicisti si conoscono, si piacciono, si scambiano musica e contatti e dopo qualche giorno, approfittando di due day off nel tour di Prince entrano insieme in studio, dove registrano alcuni brani che faranno parte del disco che vedrà la luce in autunno.

la canzone DIG IT è stata una delle hit più suonate la scorsa estate radiofonica 2010, ma è anche connotata da un forte messaggio sociale, con un testo che inneggia alla pace universale, alla fratellanza tra i popoli e allo scambio tra le diverse culture: “Viviamo nello stesso mondo nello stesso tempo, abbiamo gli stessi sogni e le stesse paure, versiamo le stesse lacrime, combattiamo per gli stessi diritti”.

Adesso aspettiamo l'album.