Sezione recensioni
recensioni22/11/2011A cura di: Monica Alagna
Leftover Cuties
Places To Go
a2011_11_21_11_39_34_leftover cuties.jpg

Tracklist

  • 1. Lost in the sea
  • 2. Sometimes
  • 3. Places to go
  • 4. I would
  • 5. Not one
  • 6. Everything I got
  • 7. By morning
  • 8. Movin' on
  • 9. Sould've left you
  • 10. Sunnyside
  • 11. I miss you

Genere

Pop

Etichetta

Autoprodotto

Sito Ufficiale

www.leftovercuties.com

Voto

Dai un voto

Mi sono innamorata. Sappiate che sto iniziando a scrivere questa recensione alle 00.32 e sto ballando da sola, seduta sul letto, con mia nonna che dorme nella stanza accanto.

Sono una amante di serie tv d'oltreoceano e d'oltremanica e quando ho letto che il quintetto losangelino ha composto un brano per la sigla di apertura di una di queste ("The Big C", forse una delle poche che non ho ancora visto, e il brano è "Game Called Life": http://www.youtube.com/watch?v=fxZL0LIxK-Y), mi sono approcciata all'ascolto con un mood leggero, pronta davvero a recepire ogni nota. Col primo brano mi si è aperto un sorriso estasiato e compiaciutissimo, entusiasmo che, man mano che le tracce proseguivano, è rimasto ad alti livelli arricchendosi di tante sfaccettature: malinconia, dolcezza, vivo interesse.

Credo che i Leftcuties abbiano davvero fatto centro: è uno stile, il loro, che calza a pennello con la riscoperta, negli ultimi tempi, del retrò-style, un vintage pop divertente, rilassante, che ti proietta nelle magiche atmosfere degli anni '50 strizzando l'occhio a tutta la storia musicale che ne è proseguita. I musicisti sono stati in grado di rendere perfettamente un'idea di leggerezza di classe (ottimo l'ukulele), e la splendida voce di Shirli McAllen è la ciliegina sulla torta.

Mi quoto: Mi sono innamorata.

 

I Leftover Cuties sono
Shirli McAllen- Vocals
Austin Nicholsen- Ukulele
Stuart Johnson- Drums
Ryan Feves- Upright Bass
Mike Bolger- Piano/Trumpet/Accordion