Sezione recensioni
recensioni27/11/2011A cura di: Monica Alagna
Ardesia
Incandescente
a2011_11_27_03_49_06_copertina_incandescente.jpg

Tracklist

  • 1. Le ombre
  • 2. The Grass So Little
  • 3. Incandescente
  • 4. Ad un’amica
  • 5. Respira
  • 6. Nu' segreto (L'ultima chiave)
  • 7. Oscuramenti
  • 8. Secret Love
  • 9. I Held a Jewel
  • 10. Vai pure

Genere

Varie

Etichetta

Graf

Sito Ufficiale

www.ardesiaband.it

Voto

6 su 10

La ricerca filosofica applicata alla musica, ma soprattutto alla volontà di comunicare il senso esistenziale e politico della differenza femminile. Questo il fulcro centrale di “Incandescente”,  il primo album di Ardesia, band nata nel 2010 formata da Stefania Tarantino (voce e autrice dei  testi e delle musiche), da Maria Letizia  Pelosi  (coautrice  e  chitarrista) e  da  Ciro  Riccardi  (trombettista  e bassista). Il titolo da cui prende nomel’album,  “Incandescente”,  è  ispirato dal celebre libro di Virginia Woolf  “Le tre ghinee”, caposaldo del femminismo  europeo,  dove  l’autrice sottolinea  positivamente  la  differenza tra  i  sessi,  vedendo  nella  profonda spiritualità    femminile    un    grande tesoro  da  custodire  per  combattere l’istinto  violento  del  genere  maschile. Oltre  alla  Wolf,  i  brani  s’ispirano  alla lettura    di    alcune    pensatrici    del Novecento   europeo   come   Hannah Arendt  (“Secret  love”)  e  Carla  Lonzi (“Vai pure”), e di alcune poetesse tra cui   spicca   Emily   Dickinson   di   cui vengono  proposte  musicalmente  due importanti   poesie:   “The   grass   so little”  e  “I  Held  a  Jewel”.  La  prima celebra  la  bellezza  della  natura  che, ignara  di  se  stessa,  è  immersa  in  un sogno   di   perfezione, la  seconda smaschera le nostre illusorie convinzioni  di  possedere  le  cose  per sempre. 

Sono un po' combattuta sul giuduzio da dare a questo album; se da una parte i testi portano un messaggio, le armonie sono classiche ma belle e la bravura della formazione è evidente, dall'altra non mi ha rapita più di tanto, come se volesse essere "per forza" emozionante.