Sezione recensioni
recensioni13/12/2011A cura di: Susanna Gattuso
Eraldo Bernocchi, Robin Guthrie, Harold Budd
Winter Garden
a2011_12_13_02_26_46_Bbg-Winter-Garden.jpg

Tracklist

  • 1. Don’t go where I can’t find you
  • 2. Losing My Breath
  • 3. Winter Garden
  • 4. Entangled
  • 5. Harmony And The Play Of Light
  • 6. Heavy Heart Some More
  • 7. White Ceramic
  • 8. Stay With Me
  • 9. South Of Heaven
  • 10. Dream On

Genere

Varie

Etichetta

RareNoise records

Voto

7,5 su 10


Winter garden è un viaggio che lascia sospesi a mezz'aria,un viaggio di introspezione onirica tra ambient e world music
e ascoltare quest'album in un clima assolutamente invernale e freddo direi che è un mix perfetto.
Tre grandi compositori  Bernocchi/Budd/Guthrie collaborano per questo particolarissimo progetto che vede un equilibrio perfetto tra il pianista Harold Budd, classe ‘36,assodata figura di riferimento della musica ambient sperimentale,Robin Guthrie chitarrista, produttore e fondatore dei Coctau Twins e dei Violet Indiana,collabora con Harols ormai dagli anni Ottanta. Invece Budd aveva già collaborato con Eraldo Bernocchi ( Fragments from the Inside, su Sub Rosa, del 2005) e il suo inserimento accanto al duoè vincente.
Piace questo intreccio tra Elettronica e produzione,tra chitarre,tastiere,pianoforte ed effetti.

L'album parte con l'a sognante "Don't Go Where I Can't Find You" e percorre i lsuo viaggio nelle note di "Losing My Breath" e della title-track "Winter Garden". Un beat intrigante e accattivante è la traccia "Entangled", invece in "Heavy Heart Some More" e "White Ceramic" fanno da padrone le corde strofinate di Guthrie, ci si rilassa ancora con "Stay With Me". L'album si conclude con la lunga "South Of Heaven" e "Dream On" che riporta l'ascoltare alla realtà.
Questo "Winter Garden" non è musica d'avanguardia,non è senz'altro un grandissimo capolavoro,indubbiamente è un esperimento aperto a tutti gli amanti della musica e non solo.
E' comunque un ottimo album per rilassarsi,sognare ed ascoltare.