Sezione recensioni
recensioni27/12/2011A cura di: Monica Alagna
Rashomon
Andrà tutto bene
Andrà tutto bene__

Tracklist

  • 1. Mamma è un brutto mondo
  • 2. Fuoco
  • 3. Maledetti
  • 4. Meglio rinunciare
  • 5. Black Jesus
  • 6. Persi
  • 7. Vite splendidi
  • 8. Denti storti
  • 9. Il cielo di Super Mario
  • 10. Tempo

Genere

Varie

Etichetta

Lo Scafandro

Voto

7 su 10

Ah, finalmente un album grintoso. Senza nulla togliere agli altri, ho scelto di recensirlo a scatola chiusa leggendo soltanto le premesse del comunicato stampa. E avevo ragione. Era da tanto che non mi divertivo così e se non avessi avuto mia nonna che dorme nella stanza accanto mi sarei messa a saltare in giro. Giuro.

La mente che si cela dietro al progetto è quella di Kheyre Walamaghe, ex Modena City Ramblers, e il genere non è un folk schierato come per la formazione precedente, bensì un sanissimo rock-blues alternativo: suono sporco, liriche arrabbiate ed incisive, grinta e quel sapore old school in sottofondo che non guasta mai. Il ritmo con cui le tracce scorrono è abbastanza serrato e bisogna arrivare a "Black Jesus" per allentare un po' e lasciarsi trascinare da armonie più aperte e pulite. Quasi non si sente la mancanza della linea di basso tale è la compatezza delle composizioni, e la voce è gradevole anche quando vuole essere più "grezza".

Bel lavoro.

 

Note: l'album è stato registrato e mixato da Davide Cristiani ("Bombanella Soundscapes", a Maranello) ed è stato masterizzato al Pisimastering Studio di Roma da Claudio Gruer. Importante l'incontro tra i Rashomon e Lo Scafandro (etichetta discografica emiliana) nelle persone di Fabrizio Tavernelli e Roberto Fontanesi, che hanno accompagnato e seguito la band in tutte le fasi della produzione.