Sezione recensioni
recensioni03/02/2012A cura di: Susanna Gattuso
El cuento de la chica y la tequila
1St Tale
a2012_02_03_01_35_12_label-copia.jpeg

Tracklist

  • 1. 1St Tale
  • 2. follow me
  • 3. Shower of flowers
  • 4. Dirty Diana
  • 5. I'm just feeling
  • 6. Mama's freak
  • 7. Superstar suicide
  • 8. take me all the way
  • 9. A Wolf Inside

Genere

Pop

Etichetta

autoprodotto

Voto

6 su 10


Sonorità flamenche,acustiche in questo lavoro del gruppo italiano El cuento de la chica y la tequila,che tutto fà pensare tranne appunto che è una band italiana composta da

DAVIDE "DAVE" ARTUSATO - voice,
STEFANO "STEVE" SILENZI - guitars,
IVAN PREVEDELLO - piano,
ROBERTO "BOBBY" PAROLIN - drums and percussions,
ANDREA GHION - bass


Il nome della band prende forma e si ispira alle atmosfere mexican dei film di Tarantino e Rodriguez, calde, sanguigne, estreme. Sottende inoltre il richiamo al femminile: la "chica" rappresenta l'enorme senso di meraviglia che prova un uomo davanti alla capacità creativa e alla forza di volontà della donna. La donna echeggia di sensibilità, ispirazione, interiorizzazione, fascino, di tutto ciò che anche la musica produce.

Questo album "1st tale" è un viaggio attraverso sonorità acustiche,appassionante e dolce all'inizio, un rock acustico caratterizzato dai questi suoni di flamenco, che si sposano perfettamente con il pop-rock e il blues.
I musicisti sono davvero dei professionisti e non si discute,c'è un'estrema qualità nella  registrazione e nella composizione.
l'unico neo che trovo un pò stancante è la tendenza del cantante ad allungare le vocali negli acuti,attenzione ha un bel timbro di voce che ricorda molto Eddie Vedder e Chad Kroeger dei Nickelback.
Interessante e minimalista la cover di Michael Jackson "Dirty Diana".

Hanno ottime capacità e sicuramente è un progetto diverso in questo panorama musicale italiano un pò troppo piatto.