Sezione articoli
Alfabox_From the padella into the brace
a2011_10_19_08_56_48_alfabox-from-the-padella-into-the-brace-L-7qvbhh-175x130-1.jpeg

 

Gli  Alfabox definiscono il loro stile un pop contemporaneo e contraddittorio, e devo dire che non hanno tutti i torti.

La band nasce nel 2003 ad Urbino, Francesco Talotti voce, Gianluca Liva basso, Francesco Armani chitarra, Gianluca Albicocco chitarra, Giulia qualizza tastiere, Rocco Repezza batteria. Dopo un primo periodo di cover, decidono di cimentarsi nella stesura di brani propri. Contaminati da ascolti ed esperienze differenti, dalla wave '80 al pop, dalla dance alla psichedelica.

Registrano nel 2005 il primo demo, e da pochissimo hanno terminato i lavori di registrazione per ben 12 tracce del loro ultimo lavoro, From the padella in to the brace, titolo singolare ma d'effetto.

Melodie accattivanti, con una voce in grado di rimanere falcimente in testa a chi ascolta. Usano ritornelli distorti, cantati con maggiore intensità. Il tutto è reso piacevole da una leggerezza di fondo che lascia però spazio a testi più profondi, introspettivi, forse più personali.

Originali e divertenti, forse proprio quello che servirebbe oggi al mondo della musica.