Sezione recensioni
recensioni21/02/2012A cura di: Maria Rita Pugliesi
Sieben
No Less Than All
a2012_02_21_02_04_08_Sieben-NoLessthanAll.jpg

Tracklist

  • 1. Music Is Light
  • 2. Preacher Online
  • 3. I Saw A Face
  • 4. Vonnegut
  • 5. Transmission
  • 6. Shake The Tree
  • 7. Black Dog Day
  • 8. No Ordinary Life
  • 9. He Can Delve In Hearts
  • 10. In A Train
  • 11. No Less Than All
  • 12. Music Is Light Part II (play me again)

Genere

Dark

Etichetta

Redroom

Voto

9 su 10

Geniale, eclettico, istrionico, audace sperimentatore: questo e altro è il violinista britannico Sieben, al secolo Matt Howden, che ha all'attivo una lunga discografia alla quale si aggiunge una nuova inestimabile gemma nera, "No Less Than All". Un disco che ancora una volta testimonia quanto il suo sound e il tocco unico con cui accarezza e percuote lo strumento siano a dir poco inconfondibili, pura essenza della suo innato fuoco artistico, ma allo stesso tempo sempre in evoluzione, protesi verso nuovi suoni e nuovi paesaggi di lancinante bellezza. Il commovente parossismo sonoro di "Music Is Light", che apre e suggella il disco, si stempera nella toccante e inquieta malinconia di una splendida versione di "Transmission" dei Joy Division; il delirio visionario di "No Ordinary Life", in cui l'apocalisse si veste dei colori del sangue e del fuoco, si diluisce nella solenne dolcezza della titletrack, lasciando l'ascoltatore senza fiato. Un album da brividi, segno inequivocabile di un grande, unico talento.