Sezione recensioni
recensioni05/03/2012A cura di: Susanna Gattuso
Giulio Casale
Dalla parte del torto
a2012_03_05_04_52_19_disc_9884.jpg

Tracklist

  • 1. La tua canzone
  • 2. la mistificazione
  • 3. Apritemi
  • 4. Un'ossessione
  • 5. Virus A
  • 6. Fine
  • 7. Magic shop
  • 8. La merce
  • 9. Personaggio comune
  • 10. Senza direzione
  • 11. La febbre
  • 12. la tua canzone #9

Genere

Pop

Etichetta

Novunque

Voto

7,5 su 10


Giulio Casale ex leader degli Estra è sempre stato molto interessante come artista, interprete filologico del teatro-canzone di Giorgio Gaber, è anche scrittore di romanzi,poesie e saggi,ma fondamentalmente è un cantautore (In fondo al blu del 2005).
E' quello che viene detto  cantautore intellettuale,performer di raro crisma è tornato con un nuovo album prodotto da un nome che è soprattutto una garanzia Giovanni Ferrario (PJ Harvey per citarne uno).
"Dalla parte del torto" è il titolo del nuovo lavoro dal gusto pop-rock suonato anche dai bravissimi Antonio Gramentieri alla chitarra e Diego Sapignoli alla batteria.
Tra archi,suoni elettronici, fiati e diversi intermezzi rumoristici come in "Virus A ",Casale esprime il suo giudizio sulla fine di certi concetti,le nevrosi di una società e prende in giro, ironizzando,soprattutto,il rock'n roll nella canzone "Fine".
Molto particolare, ma di poco impatto, la cover di Magic Shop di Battiato,in certe occasioni è sempre poco indicato mettersi a confronto con grandi della musica italana!

Un disco che inevitabilmente lascia una sensazione di rigore,solitudine,i testi sottolineano la verità e l'onesta.Ciò che mi lascia sorpresa sono le sensazioni opposte che si creano tra la delicatezza di un artwork semplice con belle foto in bianco e nero,che portano pace e tranquillità e il contenuto che invece è diretto,spietato che dà fastidio,ma che non puoi far finta di nulla.