Sezione recensioni
recensioni12/03/2012A cura di: Valeria
Gaia Riva
Tutto cade
a2012_03_12_02_19_16_images.jpg

Tracklist

  • 1. Megafono che
  • 2.
  • 3. Ragioni
  • 4. Silenzio
  • 5. Papà
  • 6. Ego
  • 7. Tutto cade
  • 8. Bianco e Nero

Genere

Pop

Sito Ufficiale

http://www.gaiariva.it/

Voto

7,5 su 10

Gaia Riva è davvero tosta! Leggendo la sua storia mi rendo conto che di strada ne ha fatta parecchia. Sempre legata artisticamente ad Andre Noto, chitarrista e coautore, inizia subito a creare pezzi propri. Nel 2006 firma il suo primo contratto (Sony/BMG), ma le cose non vanno sempre a finire bene. Un paio di anni dopo firma un secondo contratto per l'etichetta indipendente Oyez! Fino ad arrivare al 2009, quando crea lei stessa una nuova etichetta discografica: Sun Music.

Inizia così una nuova avventura, raccontata poi nell'ultimo album pubblicato recentemente, Tutto cade.

Abituata a scrivere in inglese qui Gaia si confronta unicamente con la sua lingua. Sei tracce inedite, più Bianco e Nero, che precedentemente anticipava l'intero album. Sei tracce ricche di dolcezza e grinta, dove la voce è la vera protagonista in assoluto, quasi utilizzata come se fosse un vero e proprio strumento. L'utilizzo del vocoder aiuta a mantenere sempre un ritmo incalzante, per non cadere mai nella banalità. 

Gaia oltre che con la voce si fare anche con le parole, ed è per questo che concludo con una sua frase, che sicuramente la descrive al meglio:

 

quando di notte la luna si accende di luce. color camomilla. e il primo pipistrello compare. quando il cielo si fa coperta, densa, nebulosa, acquosa al punto che la posso respirare. quando i lampioni fanno scintilla-re le umili cose per terra. lattine, barattoli, piccoli anelli di ferro, una biro. allo-ra comincia la mia pioggia. appoggio la testa sul cuscino e tutto il mon-do mi arriva sulla testa. pezzi di me, di te, di ieri, scatole, forchette, fazzolet-ti, vetri rotti, code, corse al bar, giraffe, cartoline, patate, occhi, bottiglie, musi lunghi e tutto quello che vivo, vivrò o che non ho vissuto mai.
tu chiamale, se vuoi, emozioni.
per me si chiama tutto cade.