Sezione recensioni
recensioni23/04/2012A cura di: Susanna Gattuso
Fulvio Spagnolo
STRITOLA
a2012_04_23_03_52_46_index.jpeg

Tracklist

  • 1. Una sorpresa
  • 2. Stritola
  • 3. Distrutto
  • 4. Giochi a palla
  • 5. Come cade
  • 6. Conoscendoci
  • 7. Cortesi attenzioni
  • 8. Non torno

Genere

Pop

Etichetta

Tomato/CNI

Sito Ufficiale

www.fulviospagnolo.it

Voto

5,5 su 10

Fulvio Spagnolo è un cantautore pugliese. Nel 2008 compone un EP dal titolo “Autunno” (1stPop Records), che riscuote successo e apre le porte al suo esordio nazionale nel 2010 con “Sono io lo storpio”( 1stPop Records/Edel).
Mixate i suoni dei Verdena,il modo di cantare di Moltheni o di Godano dei Marlene Kuntz, e qualche pizzico delle modulazioni vocali di Giuliano dei Negramaro,ed ecco a voi Fulvio Spagnolo,giovane cantautore che con l'album "Stritola" cerca di trovare la sua strada e soprattutto la sua identità.
Purtroppo questi solo 8 brani che compongono l'album non mi hanno per nulla convinta,ci sono troppi richiami agli artisti citati e quell'odiosissima "T" pronunciata all'inglese che rende sgradevole ogni artista italiano che si cimenta a cantare.
Il timbro della sua voce è particolare,graffiante,un pò alla Vasco per intenderci,ma troppo acerba e spesso risulta fastidiosa per un registro di voce troppo statico.
Un'album oscuro,minimalista e vuoto in certi testi,non riesco purtroppo a trovare qualcosa che possa farmi cambiare idea.
La copertina dell’album è stata ideata dallo stesso cantautore che ama dipingere ed esprimere, anche attraverso le immagini, la sua percezione del mondo,un mondo che racconta del disagio della sua generazione.