Sezione recensioni
recensioni25/04/2012A cura di: Daria
Moseek
Yes, week end
a2012_04_25_10_13_20_COVER yes,week-end.jpg

Tracklist

  • 1. Intro-week
  • 2. Steal-show
  • 3. Numbers
  • 4. Pills
  • 5. In slippers
  • 6. How to believe
  • 7. Leaf
  • 8. Blunder
  • 9. Come Togheter
  • 10. Mr. Benson
  • 11. Outro-end

Genere

Pop

Etichetta

Autoprodotto

Sito Ufficiale

http://www.moseek.it/

Voto

8 su 10

 

Il 21 marzo è uscito “yes, week-end”, il nuovo album dei Moseek, uno dei dischi più attesi del 2012, nel panorama emergente della capitale. Anticipato dal singolo e videoclip “Pills”, “yes, week-end” 

 ha un mood ballereccio e diretto, incisi accattivanti, un album che fa saltare, e in cui si avverte un sottile velo di malinconia che si fa notare anche nei testi.Anima elettronica brillante al servizio dei brani e della voce della cantante - chitarrista, il cui timbro è riconoscibile e carismatico, l’album ha un sapore fresco e spensierato,  e non a caso esce il primo giorno di primavera.

Le canzoni raccontano stati d’animo “Leaf”, “Week”,  analizzano il rapporto con se stessi e con gli altri, e si pongono grandi interrogativi: da come riuscire a credere in qualcosa, è questo il caso di “How to believe”, a quanto è importante la  sincerità, il sesso,  come in “Steal-show”, fino a domandarsi in “ Numbers” se quello che facciamo ogni giorno è abbastanza. Tutto è sempre affrontato con  ironia, mezzo attraverso il quale la band si esprime in ogni sua produzione, e il singolo, e videoclip, “Pills” ne è la dimostrazione, ironizzando su tutto ciò che provoca stress nel quotidiano, e facendo il verso ai perbenisti finti credenti.