Sezione recensioni
recensioni09/10/2014A cura di: Vanessa Galati
Philm
Fire From The Evening Sun
a2014_10_09_02_12_53_10409396_10152147512982273_314427440964339962_n.jpg

Tracklist

  • 1. Train
  • 2. Fire From The Evening Sun
  • 3. Lady of the lake
  • 4. Lions Pit
  • 5. Silver Queen
  • 6. We Sale At Dawn
  • 7. Omnisience
  • 8. Fan Boy
  • 9. Luxhaven
  • 10. Blue dragon
  • 11. Turn in the Sky
  • 12. Corner Girl

Genere

Varie

Etichetta

UDR

Voto

6 su 10

E' uscito di recente “Fire From The Evening Sun” , il secondo lavoro dei Philm di Dave Lombardo, celebre ex batterista degli Slayer

Composto di dodici tracce il nuovo album sa rendersi interessante in qualche modo ma non rappresenta proprio il massimo che ci si poteva aspettare, questo perché il loro primo lavoro “Harmonic” aveva riservato più sorprese al pubblico.

Le tracce sono, per così dire, “confuse” nel generale anche se, bisogna ammetterlo, spiccano brani come “Lady of the lake” e “Lions Pit” in grado di colpire e recuperare caratteristiche che mancano agli altri brani.

Il genere hardcore è presente in tutto il lavoro così come improvvisazioni strumentali caratterizzate da inaspettabili virtuosismi.

Interessante anche l'ultima traccia “Corner girl” suonata interamente al pianoforte.

In “Fire From The Evening Sun”, però, non troviamo semplicemente influenze hardcore ma anche acustiche, rock n' roll e psichedeliche come “Turn in the sky”.

L'artwork di copertina rispecchia a pieno il nome dell'album: un grande sole splendente di fuoco che riempie l'intera parte frontale.

“Fire From The Evening Sun” è il risultato di esperimenti tra vari generi ben riusciti ma ancora da perfezionare.