Sezione recensioni
recensioni29/04/2015A cura di: Ileana Costabile
Indianizer
Jungle Beatnik
a2015_04_29_11_27_23_a1081301060_10.jpg

Tracklist

  • 1. Jakarta
  • 2. Jobodwana
  • 3. Jawa
  • 4. Jemima

Genere

Indie

Etichetta

Edison Box

Voto

8 su 10

Per gli amanti delle classificazioni di genere è psychotropicalbeat, per tutti gli altri si tratta di un’esperienza acustica allucinante e catartica. Parliamo di Jungle Beatnik, secondo album del duo torinese Indianizer, un lavoro che trasuda di sperimentazione e di spiritualità. Il titolo dell’album suggerisce aperture verso la componente rivoluzionaria della Beat Generation, modellata su quella altrettanto trascendentale della cultura orientale richiamata dalla variopinta immagine della cover. Non poteva essere altrimenti per un gruppo che già nel nome rievoca, oltre alla sua matrice commerciale (è prodotto dall’etichetta indipendente piemontese Edison Box), un immaginario intenso ed armonico che regala momenti di rara bellezza per le orecchie.

Il disco è composto da soli quattro brani, tutti legati dalla J iniziale, che formano un continuum sonoro in cui si intrecciano elettronica, suoni onomatopeici (suggestivo il rumore dell’acqua con cui si apre Jobodwana) e un incedere solenne di campane che trasportano davvero in dimensioni altre. Il titolo di ogni traccia rappresenta un tassello della civiltà orientale. Jakarta è un inno alla capitale indonesiana, confermato anche dal terzo brano, Jawa, ovvero l’isola su cui questa città è collocata. Jobodwana è il cognome di un famoso un atleta sudafricano, mentre Jemima è il nome in lingua originale della prima figlia di Giobbe, che indica purezza, mitezza e orientamento. 

Indianizer è uno speciale pulsante nascosto dentro di voi. Premetelo per liberare la curiosità di esplorare culture, tradizioni, costumi e punti di vista diversi”. Queste parole tratte dalla bio del gruppo confermano la loro identità progettuale e dinamica di guida verso nuovi orizzonti sonori, suggestivi e dirompenti nel panorama indie italiano. Ascoltate, vivete queste "bucoliche allucinazioni" e purificatevi.