Sezione Live Reports
FRANCESCA MICHIELIN@GRAN TEATRO MORATO BRESCIA
a2018_03_25_02_35_33_Foto-concerto-francesca-michielin-milano-17-marzo-2018-Prandoni-403-min[1].jpg

Ieri sera Francesca Michielin ha portato il suo 2640 Tour al Gran Teatro Morato di Brescia. Un concerto caratterizzato dai continui cambi di rotta, Francesca infatti ha ripercorso la sua, anche se breve carriera discografica, in un calendoscopio di suoni, luci ed emozioni, passando con assoluta padronanza dalle ballate al rap. Lo show è curato nei minimi dettagli, e ogni canzone è accompagnata da una scenografia luminosa che riprende la grafica del nuovo disco della Michielin. Il pubblico segue Francesca in questo piccolo " viaggio in una stanza" come lei stessa definisce il concerto, la fanno da padrone i pezzi del nuovo disco uscito a Gennaio, ma durante la serata c'è ovviamente spazio per i brani che hanno reso celebre la cantante come Nessun grado di separazione, Magnifico, Battito di ciglia, L'amore esiste e Distratto.  La Michielin parla poco e quando lo fa la sua sincera timidezza colpisce, non tiene ancora il palco in pugno nonostante abbia tutte le carte in regola per farlo, dopo ogni canzone, ad ogni applauso guarda il pubblico sorpresa, quasi non si aspettasse tanto affetto e un così caloroso apprezzamento.La sua bravura non è nemmeno in disussione, come si diceva prima passa con naturalezza da brani dolci e delicati come Io non abito al mare a brani più duri e rappati come la cover di Monster di Kanye West, suonando tamburi, basso e piano.

Il pubblico la segue entusiasta, qualcuno si abbraccia, qualcuno piange, cantano a squarciagola, il boato esplode al secondo bis che chiude il concerto Vulcano, un'ora e mezza di buona musica che ha lasciato a tutti i presenti il sorriso sulle labbra.

Ph credits Francesco Prandoni