Sezione Live Reports
COSMO - @ BASTIONI DEL VALLO
a2018_07_08_08_24_15_images.jpg

Cosmo, all’anagrafe Marco Bianchi, ha portato il suo “ non concerto” a Verona pochi giorni fa. Invece di limitarsi a basi e voce Cosmo si fa accompagnare sul palco da due percussionisti che hanno il compito di scandire il beat del set. Alle 22.30 ha inizio lo spettacolo, Marco si presenta sul palco in tuta e tra i coriandoli che vengono sparati sul pubblico, una dichiarazione di intenti chiarissima, intona Bentornato. La temperatura comincia subito a salire, il pubblico diventa un’ unica materia danzante. I primi brani corrono via veloci e Cosmo, nella sua giacchetta fluo, sembra un folletto, salta, balla, canta e sorride. Ma come dicevamo, questo non è un concerto nel senso canonico del termine e dopo i primi brani, tra cui la hit  Quando ho incontrato te, inizia la parte più dance del concerto, Cosmo si piazza in consolle e continua nel suo bombardamento di beat e luci, trasformando i Bastioni in dancefloor a tutti gli effetti. Anche nei momenti più “ calmi” non si scende mai sotto i 100 bpm. Quello che colpisce è la varietà del pubblico, non ci sono solo ragazzi giovanissimi accorsi a celebrare la festa di Cosmo ma anche parecchi adulti che non ti aspetteresti di trovare ad un live elettronico. Senza accorgersene tra balli, salti e mani al cielo si arriva alla conclusione dello show che ironicamente ma non profeticamente è L’ultima festa, altri coriandoli vengono sparati sul pubblico che non ha perso l’attenzione verso quelli che accadeva sul palco nemmeno un secondo. Le luci si riaccendono e la festa finisce, resta però la sensazione di aver assistito a qualcosa di fuori agli schemi, un live dove il pubblico è il protagonista, dove l’obbiettivo non è lo show ma il divertimento “Non è un uomo, una donna, un'ipotesi, un essere umano, tu balli e lo prendi per mano, poi diventi una goccia di sudore, tutto tutto, corri a prenderti tutto”