NYX
a cura di: Vale
pubblicato il: 2015-11-12
Home
  • Beyond

  • Chaos pt.

  • - Black Isle

  • Chaos pt.

  • - Metastases

  • Prelude

  • S.ave O.ur S.ouls

  • Deep

  • Going On

  • Home

  • Swallowed Screaming

NYX è qualcosa di molto vicino all'old school black metal, quindi oggi non si parla di makeup come immagino un buon 50% delle lettrici sperasse. 
Il progetto nasce volutamente in un giorno triste con intenti profondi che incorporano grande spiritualità alla dimensione musicale. Stando alla band, NYX è una creatura concettuale che pondera e collega artwork, musica e testi. Nel 2012 il duo tedesco composto da Blitz (batteria, voce, percussioni) e Vinterbarn (chitarra, voce, basso) rilascia il demo "Satis" riemergendo solo a distanza di tre anni col primo full-length "Home". Il missaggio del debut album deve molto alle sapienti scelte di Phorgat (bassista degli Enthroned) & compagnia bella, con cui si è scelto di registrare minuziosamente un pezzo alla volta invece di dedicare momenti separati ai singoli strumenti. E premetto che dai Blackout Studios è uscita una roba niente male...
Inizio l' ascolto impavida. Senza filarmi il press kit. 
"Beyond" mi scaraventa addosso una tinozza di violenza alla velocità della luce e riprendo fiato appena si abbassano i bpm. Qualche assaggio di sympho e infine il colpo di grazia: clean vocals di donna. Temevo di proseguire con un lavoro alquanto scopiazzato ai Cadaveria, ma per fortuna la playlist si è diramata in mille altre vie.
Stessa storia per un paio di canzoni dall'inizio martellante, estintesi poi nel quasi-doom. 

Avanti tutta con "Prelude", primo gioiellino che celebra il talento eterogeneo di NYX: un ambient fortemente evocativo del paranormale. E' curioso come il mero suono di questo pezzo riconduca a pellicole mute di genere horror-psicologico quali, per esempio, "Begotten". Tra l'altro il materiale video prepotentemente rudimentale registrato per "Satis", seppure in un frustrante stop motion e privo di trama, trasmette a suo modo quel tipo inquietudine. 

"S.ave O.ur S.ouls" è il momento ideale per lanciare un S.O.S. e chiedere l'aiuto del pubblico, perchè qui emergono ulteriori sfumature musicali atte solo a confondere le idee. 
A questo punto dissotterro il caro pacchetto stampa, procedendo con cautela e senza innamorarmi subito delle tipe. 
Ma il press kit è una mezza sòla; traggo conclusioni per conto mio.
Oltre ad essere donzelle piacenti, mandano anche in tilt i miei parametri di giudizio musicale. Lo scream caldo e viscerale stile Opera IX che sembra sputato fuori dalle budella di un moribondo, l'eco pietroso della registrazione, quella chitarra vecchia scuola... e qualche campana a casaccio. In poche parole dubito sia possibile sfornare qualcosa di più oscuro e gradevole all'orecchio del cultore grim.
La scaletta continua sulla medesima lunghezza d'onda fino a "Home", title track con cui chiarisco finalmente le incertezze: quel sound appartiene a gruppi specifici come Satanic Warmaster, Darkestrah, Taake e Woods Of Desolation. Espiazione del peccato completata.
Tuttavia, NYX piazza in chiusura il capolavoro indiscusso del disco per mandarci nel pallone: "Swallowed Screaming". 
Il pezzo spoglia completamente il black metal dalle urla e dalle distorsioni tattiche. 
Nessuno si sarebbe mai aspettato un unplugged in fondo al tunnel, dove una veloce chitarra malinconica e un cantato avvolgente si fondono armoniosamente nel suddetto eco tombale. L'ultima canzone è tanto sconvolgente quanto coinvolgente, incommensurabilmente orecchiabile e alla portata di tutti. Oserei dire che su questa traccia, con qualche stamburata di battipenna in più, potrebbe reincarnarsi qualche avo di Rodrigo y Gabriela.

"Home" termina con la traccia numero 9 toccandoci con la sua sensibile uggiosità - al di là della notevole tecnica strumentale. In ambito metal, rinunciare all'aggressività può rivelarsi un flop persino quando la vocalist è donna... Perchè delle insipide nenie non dichiarate ce ne frega sempre meno di zero.
Tiriamo le somme. Logo da paura, artwork migliorabile, duo estremo nella media, creatività accettabile, concept decisamente al top delle aspettative. Inoltre boicottano Facebook. Chapeau.
NYX in tour è quello che auspico in un futuro poco remoto, anche perchè le ragazze hanno già pronte delle live sessionist! 
Novità black metal consigliata a chiunque riesca a debellare il solito vecchio pregiudizio.