Swans + Xiu Xiu
Roma, Circolo Degli Artisti
a cura di: Princess Vampire
2013-04-07

Circolo Degli Artisti, Roma, 22 marzo 2013 - Dopo l'uscita dello splendido e folle "The Seer", ultimo lavoro discografico degli Swans, la band di Michael Gira si prepara a devastare ancora una volta l'anima e l'apparato uditivo del pubblico romano. Gli artisti statunitensi guadagnano il palco in formazione d'assalto: due batterie, chitarra, basso, synth, fiati e su tutti la sciamanica presenza del carismatico Gira, direttore di quest'orchestra assassina. Il lunghissimo live concede alla platea solo un brano storico degli Swans ("Coward"), preferendo invece lanciarsi senza sosta in distorsioni e sperimentazioni, con due pezzi tratti dall'ultimo lavoro ("Mother Of The World" e "The Seer") e quattro scioccanti inediti ("To Be Kind", che apre il concerto con una ritmica ossessiva e delirante, "Screen Shot", "She Loves Us" e "Nathalie"). I brani proposti sono dilatati e torturati fino al parossismo, spalmati in due ore piene di concerto come schizzi di sangue e materia grigia, interpretati con purissima e vivida partecipazione da una band in piena crescita musicale. Per gli spettatori assistere a un simile concerto è uno stupro sonoro, un'esperienza psicologicamente e fisicamente rovinosa e angosciante, un assaggio d'apocalisse. I volumi sono altissimi e non pochi presenti ricorrono a improvvisati tappi per le orecchie, tentando di sfuggire alla violenza ritmica e agli stridori dilatati e lancinanti che caratterizzano il sound di Gira e compagni. Le poche parole declamate dall'ispiratissimo vocalist al microfono catturano e seducono: la sua voce è cupa e drammatica, le strofe lente e ipnotiche. Impossibile non essere completamente preda di un rituale sonoro così vivo e potente, impossibile non uscire da una simile esperienza completamente mutati, persi nel mistico delirio di una band che, dopo trent'anni di attività, continua a scrivere la storia della musica.