ZENO
a cura di: Mox
pubblicato il: 2010-02-10
Realtà e Simili
  • Ombre

  • Capiterà

  • Spazio

  • Il segno

  • Uomo di poca fede

  • Ad un passo da te

  • Ricorderai

  • Attori del niente

  • Vero

Ed eccoci qui, di nuovo. Il destino ha voluto che fossi ancora io a recensire il lavoro di Zeno... Piccolo riassunto delle puntate precedenti:
Il triestino David Olivati, in arte Zeno, inizia ad approcciarsi al mondo della musica all'età di quindici anni scrivendo le prime canzoni e militando in diverse formazioni pop-rock locali; dal 2005 si dedica alla composizione e il singolo "Capiterà" è stato il primo brano che lo ha fatto conoscere al pubblico.
Nella mia recensione precedente scrissi che un brano forse era insufficiente per "giudicare" -se di giudicare si tratta- la visione di un artista anche perchè, e mi dispiacque, il pezzo non mi piaceva nemmeno tanto. Devo dire che avevo ragione a voler aspettare l'intero album, non che le cose cambino molto.
I pezzi sono fortemente pop-rock, con qualche accenno di effetti elettronici che alla fine male non suonano; la voce di Zeno è intonata e ha delle sporcature che per il genere che fa e per i messaggi che esprime nei suoi testi non danno affatto fastidio però devo dire che il missaggio non è dei migliori; non metto in dubbio le sue capacità compositive ma, come dissi riguardo al singolo, secondo me una maggiore ricerca stilistica non avrebbe fatto male. Nel suo Myspace scrive: "Non ho la pretesa di cambiare la musica (...) La mia è piuttosto un'esigenza: comunicare la mia visione della "Realtà" e dei suoi "Simili", ovvero i sogni, le bugie e le speranze delle persone normali, e per questo speciali". Siamo d'accordo, l'intenzione è molto bella e c'è, però -e David non me ne voglia, è solo un parere- perchè fermarsi e cadere del déjà senti, quando c'è tanto da scoprire e sperimentare?
Un 6 per l'impegno.