Vains of Jenna
a cura di: Claudia Gamba
pubblicato il: 2010-02-27
"Lit up, let down"
  • 01. Don't Give A Damn
    02. Ceased Emotions
    03. Hard To Be Vain
    04. Lit Up/Let Down
    05. Get On The Ride
    06. Baby's Got A Secret
    07. Noone's Gonna Do It For You
    08. Set It Off
    09. Noone's Gonna Do It For You (Acoustic)
    10. Set It Off (Acoustic)

Album imprescindibile per chi ama alla follia come me il rock'n'roll svedese che imperversa in questi ultimi anni...”Lit up, let down” del 2006 è una manna dal cielo: Lizzy Devine (voce) e Nicki Kin (chitarra) sono garanzia di un sound personalissimo, graffiato, grezzo e diretto, senza fronzoli o virtuosismi inutili, tutto incentrato su quelle tanto seminali quanto splendide “quattro note” che hanno fatto sognare generazioni.
Se poi ci aggiungete un affascinate e dannato look street, quattro musicisti assolutamente attraenti e una scena, quella svedese, che fa invidia al mondo intero, il risultato sono dieci tracce godibilissime per questa loro prima release full-length firmata Filthy Note...non male per una band che parte dall'underground!!
Ce ne è per tutti i gusti: oltre alle memorabili “Ceased emotions”,“Hard to be vain”, “ Noone's gonna do it for you” e “Set it off” abbiamo anche la versione acustica delle ultime due, una vera chicca per appassionarsi ancora di più al sound della band, che non disdegna cimentarsi in unplugged sentiti e dannatamente coinvolgenti.
A chi non abbia ancora visto i video di “Ceased emotions” e “Noone's gonna do it for you” consiglio di farlo immediatamente, perchè i Vains of Jenna sono una rock band a tutto tondo, in cui godimento musicale e esperienza visiva vanno di pari passo, ci troverete la più sporca e distruttiva filosofia street e al contempo il party-mood e il casino più smodato!
Jeans stracciati, bandane e chiome irriverenti, sigarette, birra e superalcolici a fiumi, presenza femminile non del tutto casta e innocente, una sequela di pose da manuale, uno stile manierato e così basico di suonare, il tutto farcito con grinta, energia e sana voglia di spaccare.
Chi ha detto che gli eccessi non vanno bene: nel rock vanno alla grande...suggerisco questo imperdibile album a chi come me pensa costantemente: “non mi basta mai!”.