ZAKK WYLDE
a cura di: Lucrezia Polito
pubblicato il: 2010-05-23
Book of Shadows
  • DISC ONE
    1.Between Heaven and Hell
    2.Sold My Soul
    3.Road Back Home
    4.Way Beyond Empty
    5.Throwin' It All Away
    6.What You're Look'n For
    7.Dead As Yesterday
    8.Too Numb To Cry
    9.The Things You Do
    10.1,000,000 Miles Away
    11.I Thank You Child
    DISC TWO
    1.Evil Ways (Original Japanese bonus track)
    2.The Color Green
    3.Peddlers Of Death (Acoustic version of the Black Label Society song)

Ho acquistato questo cd quasi per caso, avendo letto su una rivista che era in uscita, nel 1996. Splendida sorpresa a metà tra acustico ed elettrico, questo Zakk Wylde tutto da solo che regala un album strepitoso.
Lontano dai Black Label Society, molto intimista, bellissimi suoni, voce eccezionale e calda.
Un piacere dall’inizio alla fine, anzi molto di più, una incredibile emozione.
Between Heaven and hell apre le danze, e siamo quasi in un’atmosfera country intrisa di rock, per continuare con Sold my Soul, più malinconica, ma dai testi introspettivi. Suoni più elettrici, ma il pezzo resta per lo più una ballad, con un assolo che ci ricorda chi è Zakk, nonostante la dolcezza delle prime note.
Con Road Back Home anche il piano entra in scena, e siamo proiettati in uno di quei bei pezzi “on the road”, capelli al vento e stereo a tutto volume, con la polvere della strada solitaria che si illumina al tramonto, e la chitarra di Wylde che canta senza sosta.
Way Beyond Empty è meravigliosa, e già al quarto pezzo questo sembra il miglior lavoro in assoluto di Zakk Wylde, ben lontano dai fragori pur imperdibili dei Black Label Society o dei live con Ozzy.
Throwin’ All Away è un pezzo superbo e commovente dedicato all’amico Shannon Hoon dei Blind Melon, artista con cui aveva intrapreso dei progetti, ma che poi era mancato prematuramente:

You couldn't feel the sunlight upon your face
Your little world
A little out of place
You couldn't hear the ocean
You couldn't hear the waves
I know you meant to come back
I know you meant to stay

Il mood introspettivo non potrà che deliziarvi ancora con What you’re looking for e la ancora più poetica Dead as Yesterday, e vi farà venire i brividi con la più cupa Too Numb too Cry, per tornare al piglio quasi country con The Things you do, e al rock con 1,000,000 Miles Away e I Thank you Child, che chiude mirabilmente Book of Shadows, lasciandovi a consolarvi con i 3 bonus del DISC TWO
La dolcezza di Zakk mi ha sempre affascinata. Il suo aspetto da cattivo, seppur bellissimo, il suo amore per il pianoforte, gli assoli, la soprendente abilità in acustico fanno di lui uno dei musicisti più completi e talentuosi mai esistiti. Un artista che ama anche altri generi e li fa suoi reinterpretandone lo stile in modo assolutamente convincente e personale, senza scimmiottare o strafare. Come in questo album eccezionale, che sembra già dal titolo Book of Shadows un libro di incantesimi, che non mancherà di ammaliarvi.
STAY ROCKED
lady.simmons@email.it