Subsonica
a cura di: SusannaGattuso
pubblicato il: 2006-12-16
Terrestre live
  • Giorni a perdere (live)

  • Ratto (live)

  • Abitudine (live)

  • L’errore (live)

  • Two – Incantevole (live)

  • Corpo a Corpo (live)

  • Gasoline (live)

È solo dopo aver ascoltato il cd doppio che mi metto a scrivere questa recensione. Di solito lo faccio mentre ascolto, ma con i Subsonica non si può. Col primo cd, quello live, sono stata portata indietro nel tempo, quando li ho visti a Genova, Roma e successivamente a Palermo: un tour intenso, carico di energia, luci, fotografie, sudore, canzoni urlate a squarciagola, sorrisi e lacrime a sentire PRESO BLU, pezzo classico del gruppo e canzone di chiusura della scorsa tournee. Che belle emozioni! Il cd live contiene 10 brani di cui 5 appartenenti all’ultimo album TERRESTRE, album che ha diviso i fan del gruppo tra chi lo trovava un ulteriore successo della band e chi un passo indietro nella loro carriera. Volete sapere la mia opinione? Comprate almeno questo cd doppio live/acustico dei Subsonica, capirete che le canzoni hanno si un anima, ma è live che scopri la loro vera energia, l’energia Subsonica. Se non avete visto un loro concerto non potete capire quello che sto dicendo. Ma andiamo al cd acustico, la mia più grande curiosità. 12 pezzi in tutto. Mi piace quando un artista ripropone i suoi brani in chiave acustica e si potrebbe pensare che per questo gruppo, così elettronico sia impossibile…Ma stiamo parlando di SAMUEL, MAX, BOOSTA, VICIO, NINJA: 5 ragazzi che ne sanno una più del diavolo, sanno esattamente come vogliono le loro canzoni, hanno idee che a volte ti fanno rimanere esterrefatta… È il loro acustico, con tanto di chitarre acustiche (appunto), pianoforte, ma anche batteria e suoni campionati (dico bene?) sono canzoni rifatte, non “scopiazzate” dalle originali nella loro struttura, ma sono riprese, cambiate, modificate, un nuovo abito e la “signorina” si fa ammirare nella sua nuova veste che ha i colori e il profumo del sud giamaicano, della bellezza torinese del sound tipico Subsonica. Ho trovato CORPO A CORPO, TUTTI I MIEI SBAGLI, SALTO NEL VUOTO(che poi è un remix) e LASCIATI particolarissime, dai ritmi coinvolgenti. Mistica la cover ANGELS, bella LE SERPI, particolare per il suono dei fiati, fantastica PRESO BLU, bellissima I CHASE THE DEVIL con la voce di Victor, e poi la sempre coinvolgente INCANTEVOLE e l’inedito CORIANDOLI A NATALE,splendida canzone di Gigi Restagno; chiude ANCORA AD ODIARE.Finisco di scrivere e sfoglio l’edizione speciale, quella con una confezione a libro (meglio del cartone di Terrestre), all’interno tante bellissime foto di uno dei miei fotografi preferiti PASQUALE MODICA. Adesso metto su il dvd (versione speciale, ossia stessa consistenza cartacea e tante foto.. anche se sono le stesse del cd..vabbè). Innanzitutto bisogna dire che è ben realizzato, certo è fatto da LUCA PASTORE, a immagini del tour s’intervallano i dietro le quinte, i viaggi in furgone, simpatiche gags, canzoni, urla, i fan, i minuti prima di salire sul palco…e poi parole che sono impresse, parole del mondo Subsonico, parole che fanno anche riflettere, parole che fanno capire che dietro la potenza di questo gruppo ci sono 5 ragazzi che vivono, sentono e pensano come noi,e permettetemi di ricordare in questa personale recensione la figura di CATERINA FARASSINO, a cui è dedicata l’intera opera: amica come prima cosa e poi fotografa, tra l’altro molto brava, della scena musicale torinese…e non solo..bella e sicuramente dolce e simpatica, la ricordo al concerto di Genova del 2005, quando la vedevo camminare in mezzo al pubblico in cerca di un immagine da catturare. Ai tempi non pensavo fosse lei, non avendola mai vista in viso…ed era proprio lei, con la sua inseparabile macchina fotografica. Su nel palco, ha catturato la musica dei Subsonica. Perché parlo di lei? Perchè lei purtroppo non c’è più, ma resta nell’ambiente musicale,anche se non avremo più nessun altro suo scatto che racconta un preciso momento, avremo comunque il suo sorriso e i suoi splendidi occhi,la sua energia,il suo entusiasmo che percepisci attraverso le sue foto, i colori, i momenti. (e si anche per chi come me non l ha conosciuta, ma tramite le sue opere l ha sentita vicina )… Nel complesso i Subsonica hanno nuovamente fatto un ottimo lavoro, non possiamo di certo lamentarci. Adesso godiamoci la quiete per sperare, l'anno prossimo, di ascoltare la nuova tempesta musicale targata SUBSONICA.