Strana Officina
a cura di: Ada
pubblicato il: 2008-06-01
The Faith
  • 1- KING TROLL
    2- METAL BRIGADE
    3- THE RITUAL
    4- ROCK'N'ROLL PRISONERS
    5- FALLING STAR
    6- GAMBLIN' MAN
    7- BLACK MOON
    8- WAR GAMES
    9- DON'T CRY
    10- THE KISS OF DEATH
    11- BURNING WINGS
    12- UNKNOWN SOLDIER
    13- PROFUMO DI PUTTANA
    14- AUTOSTRADA DEI SOGNI
    15- OFFICINA

L'Italia è un paese che principalmente è conosciuto nel mondo per il suo cibo, le sue tradizioni. Cosa sottovalutata è la musica. Nel nostro paese,l'ottima musica è presente in quantità e soprattutto qualità. Una band storica, definita un caposaldo dell'heavy metal nostrano sono i Strana Officina.

Band, formatasi nel 1983 e rimasta attiva sino al 1995, riprendendo infine nel 2006 con l'uscita nell'anno successivo di "Faith" il loro ultimo "capolavoro", che contiene vecchi classici della band insieme a due pezzi inediti.

The Faith , vuole essere un "omaggio al passato" proponendo brani tratti da "the ritual" e "Rock and ROll prisoners".

Non si può rimanerere indifferenti ascoltando pezzi di storia come “Metal Brigade” o “The Kiss Of Death”, brani colmi di riff energici e diretti, .Ma La Band, possiede anche brani più suggestivi come “Black Moon” o “Autostrada Dei Sogni”, che lasciano l'ascoltatore inebriarsi dalla voce calda di Bud, brani che evidenziano il lato emozionale della band, riconducibili alle ballad in pieno stile Judas Priest. Altri capolavori, che dovrebbero ascoltare tutti coloro che non conoscono i Strana o che comunque sono da poco a conoscenza della loro estrema bravura, sicuramente sono "burning wings", in cui un mix di riff pienamente "metallici" si fondono con un'atmosfera più calda e rilassata concludendosi con un momento dedito ad assoli di chitarra. Immancabili brani da considare per lo più inni della band, presentati quasi sempre dal vivo, sono " Profumo di Puttana" e "Officina". Insomma un Album che si presenta per come dire un Best Of, in cui i brani anche se riprosti e registrati nuovamente non mancano di pecca ma anzi sono adatti per essere ascoltati e apprezzati per chi non è un'appartenente agli anni d'oro della band ligure.

Una piccola chicca: la band provava nell'officina metalmeccanica del padre dei Cappanera. Essendo situata, l'officina in una zona abitata sorsero lamentele e durante un controllo dei carabinieri saltò fuoi l'esclamazione : " Certo che questa officina è davvero strana!". E' da qui nacque il nome "STRANA OFFICINA".