Yummare
a cura di: Ophelia
pubblicato il: 2009-01-28
Eden
  • 1. Babylon
    2. Nations
    3. Killer
    4. Borderline
    5. Ravolution Part 1
    6. My Dream
    7. Sleepin' On A Satellite
    8. Revolution Part 2
    9. La Negligence
    10. Try (Sunday After The War)
    11. Habito Paloma

Se avete bisogno di certezze e stabilità, questa band non fa per voi.

Vincitori dell’Arezzo Wave nel lontano 1997, del No Playback ’98 e del Festival di Recanati ’98, gli Yummare (Patrizia Giannattasio: Voce; Luigi Nobile: tastiere, voce, programming; Umberto Nobile: chitarra e tromba; Mario Buoninfante: chitarra e tastiere; Francesco Nobile: basso e chitarra) sono una miscela di suoni e ritmi impossibili da definire e da rinchiudere in un genere. C’è l’infinito spazio aperto del cosmo inaugurato da Bowie in Sleeping On A Satellite, c’è tutta la grazia e la sensualità della voce femminile che è un piacevolissimo incontro fra Bjork, Elisa e Meg, ci sono sonorità reggae, indie, jazz nei picchi di apparente serenità, e poi ci sono gli abissi post grunge e new wave, paranoici, lunari, sinistri, che regalano immagini immediate (la musica degli Yummare sarebbe perfetta come colonna sonora, così capace di evocare paesaggi ed emozioni).

La composizione è articolatissima, i ritmi incalzanti avvolgono l’ascoltatore in un mondo sospeso fra l’elettronica più pura e la melodia classica e suadente della Giannattasio. Eden è magnetico, ipnotico, onirico. Non c’è una base, un punto di partenza, di appoggio: è tutto un dolce dondolare su di una altalena troppo alta per poter scendere, metafora della vita di oggi e della crisi schizofrenica della modernità.